Tassa sugli acquisti online: è legge negli Stati Uniti

0
18

Ogni singolo stato degli USA potrà decidere autonomamente la tassazione da applicare per le vendite online. Il governo Trump è riuscito nell’intento di ribaltare una sentenza del 1992 che prevedeva il contrario. Si tratta di una notizia che influenzerà l’attività di vendita online, ma soprattutto inciderà negativamente sui consumatori.

USA: gli acquisti online saranno presto meno convenienti. Siamo sicuri che farà bene all’economia nazionale?

Lo scopo della nuova legge è essenzialmente quello di regolare la crescita smisurata delle vendite online, che per convenienza e praticità sono spesso preferite agli acquisti nei negozi fisici. Ovviamente, l’intento sarebbe quello di proteggere proprio gli imprenditori che hanno punti vendita classici presenti nei vari stati USA.

La mossa azzardata potrebbe avere in realtà conseguenze molto pericolose sull’economia in generale. Se Ebay ed Amazon rischiano risvolti negativi, i piccoli commercianti – che sfruttano il Web  per i loro business – potrebbero non sopravvivere alla tassazione e decidere di interrompere le loro attività. Chi invece dovesse continuare è molto probabile che decida di “scaricare” sul consumatore finale l’impatto economico della tassa. In soldoni, i prezzi per gli acquisti potrebbero lievitare e parecchio.

Si tratta di una questione delicata, derivata dalla grande crescita del settore degli e-commerce che causa perdite economiche continue e crescenti agli Stati Uniti.

Seguimi sui social!
VIAHD Blog
CONDIVIDI
Articolo precedenteRecensione powerbank Aukey mini da 10.050 mAh: si, però…
Articolo successivoRecensione lampada notturna Xiaomi Mijia Yeelight: oltre le aspettative!
Carla Stea
Recensore ed editor in ambito Tech, non ho ancora capito se è un lavoro o una passione. Il confine è sottile. Classe 1990, ho abbandonato le bambole prima di capire a cosa servissero realmente. Sono appassionata di tecnologia sin da piccolissima, mi divertiva qualsiasi cosa si azionasse premendo un bottone. Ho avuto il primo PC, il mitico Commodore 64, a 6 anni. Senza capirci nulla mi divertivo a ricopiare pagine e pagine di codici solo per veder apparire un'animazione. Crescendo ho imparato, rompendone tanti, come utilizzare al meglio computer e gadget tecnologici vari. Attualmente, scrivo articoli e produco videorecensioni per diversi siti web di informazione ricercando i contenuti più interessanti presenti dedicati all' high-tech.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here