Password: ecco la lista di quelle più usate nel 2017

La lista delle password più usate nel 2017 ci fa riflettere sul fatto che siamo noi il vero problema, non solo i vari siti che "rubano" dati sensibili

0
66

Le password sono importantissime per la nostra sicurezza. Per questo è fondamentale prestare molta attenzione al momento di sceglierle. Sembra però che gli utenti non imparino mai e quindi continuino ad utilizzare password come “QWERTY” oppure “123456“. Ecco le più gettonate nel 2017.

“LinkedIn” usata come password: data breach non ti temo

Insomma, bisogna ammetterlo. Quando si tratta di scegliere una password andiamo a cercare il termine secondo noi adatto fra le nostre passioni, i nostri affetti, la nostra filosofia di vita. In pochissimi si affidano a software nati per generare codici di protezione sicuri.

LEGGI ANCHE: Facebook: come controllare se i tuoi dati sono stati venduti a Cambridge Analytica

La lista delle password più gettonate nel 2017, stilata da Gang Wang – analista di Virginia Tech  – è chiara. Ovviamente, dall’elenco sono escluse quelle più pericolose: nomi e date di nascita di figli, mogli, mariti e compagni. Ah, chiaramente anche cani, gatti ed altri animali domestici.

LEGGI ANCHE: KeePassDroid: la migliore app Android per proteggere le password

Un’altra cattiva abitudine è quella di “riciclare” la stessa password per più account. Ecco che, una volta scoperta, può essere utilizzata su tutte le piattaforme. Purtroppo, basta una leggerezza ed i nostri dati diventano alla portata di qualsiasi malintenzionato.

Mi fa sorridere leggere che “LinkedIn” e “MySpace” sono fra le parole di sicurezza più utilizzate. Magari proprio sugli omonimi social!!

 

Seguimi sui social!
VIADailymail
CONDIVIDI
Articolo precedenteWhatsApp: un bug permette ai contatti bloccati di contattarti
Articolo successivoFacebook chiede agli utenti foto delle parti intime: non è una bufala
Carla Stea
Recensore ed editor in ambito Tech, non ho ancora capito se è un lavoro o una passione. Il confine è sottile. Classe 1990, ho abbandonato le bambole prima di capire a cosa servissero realmente. Sono appassionata di tecnologia sin da piccolissima, mi divertiva qualsiasi cosa si azionasse premendo un bottone. Ho avuto il primo PC, il mitico Commodore 64, a 6 anni. Senza capirci nulla mi divertivo a ricopiare pagine e pagine di codici solo per veder apparire un'animazione. Crescendo ho imparato, rompendone tanti, come utilizzare al meglio computer e gadget tecnologici vari. Attualmente, scrivo articoli e produco videorecensioni per diversi siti web di informazione ricercando i contenuti più interessanti presenti dedicati all' high-tech.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here