Facebook: come evitare che le applicazioni accedano ai dati personali

Facebook offre da sempre la possibilità di proteggere i propri dati personali da sviluppatori di applicazioni di terze parti, basta solo saper utilizzare lo strumento. Ecco come fare

0
34

Facebook può essere un luogo molto poco sicuro, ma proteggere in qualche modo i propri dati personali è possibile. Se non dalla piattaforma, alla quale noi accettiamo di dare informazioni, almeno possiamo limitare l’accesso alle applicazioni di terze parti.

[amazon_link asins=’B01AHYR04M,B00KNMK1CC,B019Z1URE8,B0177IPG1U,B06XFW91CZ’ template=’ProductCarousel’ store=’tecnoandroi0a-21′ marketplace=’IT’ link_id=’6e3b1e4d-2eb0-11e8-b133-9fbc30665b52′]

Facebook e Cambridge Analytica, il mio pensiero in due parole

Senza entrare nei dettagli, che ormai conoscete bene, mi limiterò a spiegarvi perché – secondo me – tutta questa agitazione è eccessiva e confusionaria. La bufera degli ultimi giorni, a riguardo del furto di dati personali avvenuta ai danni di 50 milioni di utenti Facebook, ha sconvolto la popolazione del Web. Personalmente, ritengo che quanto accaduto sia grave, ma non perché i nostri dati siano stati venduti e manipolati. Infatti, non bisogna dimenticare che – di base – tutto quello che sul Web sembra gratis viene pagato con la cessione dei propri dati personali.

facebook negare accesso dati personaliComprendo che quello che è accaduto è piuttosto grave, ma di sbagliato ci sono solo le modalità e le intenzioni malevoli. La poca chiarezza nella richiesta di informazioni. Per il resto, è bene tenere a mente che le nostre informazioni vengono vendute quotidianamente dai social. Anzi, se vi è capitato anche solo una volta di fare una campagna sponsorizzata su Facebook, sappiate che in quel momento anche voi avete indirettamente comprato dati personali di altri utenti.

Chiarito questo, su Facebook abbiamo diversi strumenti per limitare che sviluppatori terzi entrino in possesso dei nostri dati personali. Lo strumento, che a breve il social mostrerà in modo più evidente, esiste già da sempre. Basta saperlo usare.

Facebook: come vietare l’accesso ai nostri dati da parte di applicazioni di terze parti

facebook negare accesso dati personali

In pochi semplici step, sarete in grado di selezionare direttamente quali applicazioni possono accedere alle vostre informazioni ed eliminare tutte le altre. Probabilmente, giocherellando sulla piattaforma social, avrete dato diversi consensi al trattamento dei dati personali. Spesso, senza nemmeno accorgervene. Ecco come gestire i permessi:

  1. Accedi a Facebook dal PC ed apri le impostazioni (dalla freccetta in alto a destra, accanto al “?” che riporta alla guida generale);
  2. dalla barra verticale a sinistra scegli “APP”;
  3. SPAVENTATI (non ti aspettavi fossero così tante, giusto?);
  4. sfiorando con il mouse la singola applicazione potrai decidere se modificare i permessi (icona della matita) o cancellarla definitivamente (la classica X).

facebook negare accesso dati personali

Ripeti il quarto step per tutte le applicazioni che vuoi eliminare o modificare ed il gioco è fatto. Adesso, quantomeno, hai il controllo delle applicazioni che quotidianamente – ed a piacimento – accedono ai tuoi dati personali. Grazie alle novità introdotte da Facebook, in fretta e furia dopo la bufera, ti ricordo che a breve tutte le app non utilizzate da almeno 3 mesi perderanno automaticamente l’autorizzazione ad accedere ai tuoi dati.

LEGGI ANCHE: iPhone X ad 1€: quando la truffa su Facebook è studiata ad arte 

PS: non mi stancherò mai di dirti che, nonostante i mille strumenti di protezione, la sicurezza inizia da te. Semplicemente, presta più attenzione quando è il momento di dare consensi. Ti sembrerà strano, ma potresti ricevere anche molte meno telefonate dai diversi call center!

Seguimi sui social!
CONDIVIDI
Articolo precedenteEcco perché il tuo smartphone si ricarica troppo lentamente
Articolo successivoApple Note: 10 trucchi per sfruttarlo al meglio in ogni occasione
Carla Stea
Recensore ed editor in ambito Tech, non ho ancora capito se è un lavoro o una passione. Il confine è sottile. Classe 1990, ho abbandonato le bambole prima di capire a cosa servissero realmente. Sono appassionata di tecnologia sin da piccolissima, mi divertiva qualsiasi cosa si azionasse premendo un bottone. Ho avuto il primo PC, il mitico Commodore 64, a 6 anni. Senza capirci nulla mi divertivo a ricopiare pagine e pagine di codici solo per veder apparire un'animazione. Crescendo ho imparato, rompendone tanti, come utilizzare al meglio computer e gadget tecnologici vari. Attualmente, scrivo articoli e produco videorecensioni per diversi siti web di informazione ricercando i contenuti più interessanti presenti dedicati all' high-tech.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here