Come evitare le doppie spunte blu di WhastApp

WhaSpy è un'interessante applicazione Android, che vi consentirà di liberarvi una volta per tutte delle fastidiose doppie spunte blu di WhatsApp

0
31

Le doppie spunte blu di WhatsApp sono un serio problema. Tuttavia, esiste un’applicazione in grado eliminare il problema.

WhaSpy, l’applicazione Android che ti salva dalle doppie spunte blu

WhaSpy non è certamente la prima applicazione di questo genere. Nel tempo sono arrivate sullo store Google Play, e spesso posi sparite, diverse app che avevano come scopo quello di eliminare il problema delle doppie spunte blu.

[amazon_link asins=’B074XK5SQZ’ template=’ProductAd’ store=’tecnoandroi0a-21′ marketplace=’IT’ link_id=’21c911ad-25df-11e8-9c4b-c75c019d840f’]

Questa nuova soluzione si rivela semplice quanto efficace. Il funzionamento di Whaspy è infatti basico. In sostanza, quello che fa è leggere le notifiche del servizio di messaggistica istantanea e poi mostrarle sulla dashboard dell’applicazione. Più o meno, lo stesso meccanismo utilizzato per leggere – tramite smarwatch ed activity tracker – quello che ci arriva.

LEGGI ANCHE: cos’è e come funziona il nuovo social network Vero

Per permettere a WhaSpy di funzionare correttamente è necessario dargli dei permessi, soprattutto se intendiamo recuperare anche le note vocali. Questo potrebbe far storcere in naso ad alcuni utenti, ma è l’unico modo per poter sfruttare i benefici dell’app.

Dopo qualche giorno di utilizzo, nonostante l’applicazione sia abbastanza recente, mi sono resa conto che non ci sono grandi bug e soprattutto non si è verificato il fastidio problema del battery draining. Insomma, se anche voi volete tenere a bada l’ansia delle doppie spunte blu, vi consiglio il download di WhaSpy!

Whaspy
Whaspy
Developer: O.K. Games
Price: Free
Seguimi sui social!
CONDIVIDI
Articolo precedenteVero, cos’è e come funziona il nuovo social network
Articolo successivoLG G7 e V40: in arrivo rispettivamente a maggio ed a novembre (rumor)
Carla Stea
Recensore ed editor in ambito Tech, non ho ancora capito se è un lavoro o una passione. Il confine è sottile. Classe 1990, ho abbandonato le bambole prima di capire a cosa servissero realmente. Sono appassionata di tecnologia sin da piccolissima, mi divertiva qualsiasi cosa si azionasse premendo un bottone. Ho avuto il primo PC, il mitico Commodore 64, a 6 anni. Senza capirci nulla mi divertivo a ricopiare pagine e pagine di codici solo per veder apparire un'animazione. Crescendo ho imparato, rompendone tanti, come utilizzare al meglio computer e gadget tecnologici vari. Attualmente, scrivo articoli e produco videorecensioni per diversi siti web di informazione ricercando i contenuti più interessanti presenti dedicati all' high-tech.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here