ZTE Iceberg: doppio notch ed angoli in vetro trasparente

ZTE Iceberg è il concept di uno smartphone con doppio Notch ed angoli in vetro trasparente. Talmente bello da aver permesso all'azienda di vincere un premio

0
18

zte iceberg doppio notch angoli in vetro

ZTE Iceberg è il concept di un nuovo smartphone che, non solo raddoppia il Notch, ma aggiunge un altro dettaglio di design molto particolare. Infatti, gli angoli del dispositivo sono in vetro trasparente.

ZTE Iceberg: doppio notch ed angoli trasparenti per il suo prossimo smartphone

zte iceberg doppio notch angoli in vetro

L’azienda cinese è stata la prima a lanciarsi nella produzione di uno smartphone pieghevole con doppio display, ovvero Axon M, sorpassando tutti i giganti del settore. Adesso, pare che ZTE voglia fare ancora da pioniere.

Iceberg è il nome di un ipotetico dispositivo che si è guadagnato il premio “IF World Design Guide” grazie alle sue particolari linee estetiche. Si tratta di uno smartphone dotato di doppio notch, nella parte superiore ed in quella inferiore del pannello frontale. Il principale materiale di copertura del device borderless è il vetro, che sborda oltre e crea ben quattro angoli trasparenti. Il back panel, realizzato in metallo, non risulta particolarmente diverso da quello degli attuali smartphone, anche se le due fotocamere sembrano essere posizionate sotto il vetro.

LEGGI ANCHE: Recensione auricolari Cellularline VIBE Wireless, piccoli ed affidabili

Il notch sistemato sopra il display sembra accogliere la camera frontale ed la capsula auricolare, mentre quello sotto potrebbe essere uno speaker audio. Non si sa se ZTE deciderà di produrre o meno Iceberg, dopo l’ufficialità di Axon M non ci sarebbe granché da stupirsi. Ad ogni modo, il design merita parecchio. Anche se….quanto sono delicati gli angoli in vetro?

 

Seguimi sui social!
VIAPhonadndoid
CONDIVIDI
Articolo precedenteSamsung Galaxy Note 8 no brand riceve Android Oreo
Articolo successivoFacebook: come controllare se i tuoi dati sono stati venduti a Cambridge Analytica
Carla Stea
Recensore ed editor in ambito Tech, non ho ancora capito se è un lavoro o una passione. Il confine è sottile. Classe 1990, ho abbandonato le bambole prima di capire a cosa servissero realmente. Sono appassionata di tecnologia sin da piccolissima, mi divertiva qualsiasi cosa si azionasse premendo un bottone. Ho avuto il primo PC, il mitico Commodore 64, a 6 anni. Senza capirci nulla mi divertivo a ricopiare pagine e pagine di codici solo per veder apparire un'animazione. Crescendo ho imparato, rompendone tanti, come utilizzare al meglio computer e gadget tecnologici vari. Attualmente, scrivo articoli e produco videorecensioni per diversi siti web di informazione ricercando i contenuti più interessanti presenti dedicati all' high-tech.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here