WhatsApp: un bug permette ai contatti bloccati di contattarti

Un fastidioso bug di whatsapp permetterebbe ai contatti bloccati di contattare comunque i profili che li hanno esclusi avendo accesso anche a foto e stati

0
61

Un nuovo bug, recentemente scoperto, permetterebbe ai contatti bloccati su WhatsApp di contattare comunque i profili ai quali in teoria non dovrebbero più avere accesso. Al momento, sembra che il problema non sia ancora stato risolto.

WhatsApp, fra una novità e l’altra spunta anche qualche malfunzionamento

La possibilità di eliminare dalla nostra cerchia di contatti quelli con i quali non vogliamo più interagire è sacrosanta ed è permessa su tutti i social network. Oltre a non voler comunicare, magari non abbiamo più voglia che le nostre informazioni ed attività siano visualizzate.

LEGGI ANCHE: WhatsApp sarà presto vietato ai minori di 16 anni

Anche WhatsApp, ovviamente, offre questa possibilità. Purtroppo però sembra che un bug permetta ai contatti bloccati di guardare comunque i nostri dati (status, foto profilo, ultima connessione, ecc) ed anche comunicare con noi.

Il problema sembra affliggere Android ed iOS, quindi molto probabilmente non sarebbe legato all’applicazione ma al server. Attualmente, l’azienda non si è espressa in merito nonostante sia a conoscenza del problema. Non resta che aspettare. Intanto, un modo per “tamponare” il malfunzionamento è quello di sbloccare e poi bloccare nuovamente il profilo che vogliamo escludere anche se non è certo che questo metodo risolva la situazione.

 

Seguimi sui social!
VIAPhonandroid
CONDIVIDI
Articolo precedenteWiko View 2 e View 2 Pro disponibili in Italia: specifiche e prezzi
Articolo successivoPassword: ecco la lista di quelle più usate nel 2017
Carla Stea
Recensore ed editor in ambito Tech, non ho ancora capito se è un lavoro o una passione. Il confine è sottile. Classe 1990, ho abbandonato le bambole prima di capire a cosa servissero realmente. Sono appassionata di tecnologia sin da piccolissima, mi divertiva qualsiasi cosa si azionasse premendo un bottone. Ho avuto il primo PC, il mitico Commodore 64, a 6 anni. Senza capirci nulla mi divertivo a ricopiare pagine e pagine di codici solo per veder apparire un'animazione. Crescendo ho imparato, rompendone tanti, come utilizzare al meglio computer e gadget tecnologici vari. Attualmente, scrivo articoli e produco videorecensioni per diversi siti web di informazione ricercando i contenuti più interessanti presenti dedicati all' high-tech.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here