TIM, chiamate verso numeri Iliad a pagamento: scambiate per utenze portoghesi

Nelle ultime ore TIM ha addebitato per errore delle telefonate fatte verso utenze Iliad, scambiando i numeri di telefono nazionali per portoghesi

0
50

Nelle ultime ore, diversi utenti TIM si sono resi conto che le telefonate verso le utenze Iliad venivano addebitate. Il motivo è semplice, i numeri di telefono Iliad venivano scambiati per portoghesi.

TIM addebita per errore le telefonate verso i numeri Iliad, ma si tratta solo di un “equivoco tecnico”

Sembra che Iliad non riesca ancora a trovare il suo equilibrio in Italia. Dopo il lancio, e l’entusiasmo iniziale, c’è stato qualche problema legato all’effettiva disponibilità di traffico dati all’estero (2GB e non 32GB come si pensava inizialmente). A seguire, alcune piattaforme di contenuti in streaming hanno bloccato l’erogazione del servizio in Italia perché gli IP utilizzati erano francesi.

LEGGI ANCHE: Iliad finalmente in Italia: 30GB in 4G+, minuti ed SMS illimitati a 5,99€

Adesso i problemi sono da imputare al prefisso “351” utilizzato da Iliad, che andrebbe in conflitto con quello nazionale portoghese, “+351” appunto. Sembra però che utilizzando, prima di comporre il numero, il nostro prefisso – ovvero “+39” – il problema non si verifichi. Oltre che con TIM, si sono verificate alcune anomalie anche con Vodafone.

LEGGI ANCHE: TIM Party ufficiale: subito 10GB di traffico in regalo | Come ottenerli

Ad ogni modo, non è colpa di Iliad assolutamente e TIM ha già fatto sapere che rimborserà i suoi clienti. In generale, sebbene sembri che ci sia un inconveniente dietro l’altro, è bene considerare che l’operatore low cost è appena sbarcato in Italia ed un periodo di transizione ed assestamento era da mettere in conto.

Seguimi sui social!
VIAHD Blog
FONTEMondomobileWeb
CONDIVIDI
Articolo precedenteXiaomi Mi 8, Mi 8 Explorer Edition, Mi 8 SE, Mi Band 3 e MIUI 10: tutte le novità
Articolo successivoGoogle Lens: arriva sul Play Store l’app dedicata | Download
Carla Stea
Recensore ed editor in ambito Tech, non ho ancora capito se è un lavoro o una passione. Il confine è sottile. Classe 1990, ho abbandonato le bambole prima di capire a cosa servissero realmente. Sono appassionata di tecnologia sin da piccolissima, mi divertiva qualsiasi cosa si azionasse premendo un bottone. Ho avuto il primo PC, il mitico Commodore 64, a 6 anni. Senza capirci nulla mi divertivo a ricopiare pagine e pagine di codici solo per veder apparire un'animazione. Crescendo ho imparato, rompendone tanti, come utilizzare al meglio computer e gadget tecnologici vari. Attualmente, scrivo articoli e produco videorecensioni per diversi siti web di informazione ricercando i contenuti più interessanti presenti dedicati all' high-tech.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here