Samsung Galaxy X 2018: doppio lettore d’impronte digitali | Concept

Samsung Galaxy X 2018 è stato mostrato in un video concept fantasioso ma non troppo. Linee estetiche vagamente simili a Galaxy S9 Plus, ma con alcune differenze.

0
31

Samsung Galaxy X 2018 potrebbe far paura ai suoi competitor, ancora più di quanto già non facciano S9 ed S9+. Un video concept mostra come potrebbe essere.

Samsung Galaxy X 2018: eccolo in un video concept molto interessante

Il canal YouTube “Science and Knowledge” ha pubblicato un video che mostra il concept del prossimo flagship, realizzato dal designer Adrien Etalx. Le linee estetiche sembrano essere quelle di Galaxy S9 Plus, ma le differenze ci sono. In teoria, Galaxy X sarebbe il nome di uno smartphone pieghevole, ma il render si riferisce a tutt’altro.

LEGGI ANCHE: Recensione TheC64 Mini: il piccolo Commodore 64 è un affare d’affetto

Il display potrebbe diventare un gigantesco lettore d’impronte digitali. Infatti, stando al video dovremmo poter mettere il dito su qualsiasi parte dello schermo, ottenendo lo sblocco dello smartphone. Tuttavia, per sicurezza, sembra che un secondo fingerprint reader sia stato posizionato anche sul posteriore. Subito sotto le due fotocamere. Inoltre, pare non comparire il tasto Bixby.

Il rapporto del display sarebbe addirittura 19:9, con una dimensione di 6″. Ovviamente, dal video non si evincono altre informazioni, trattandosi di un concept. Non si sa ancora chiaramente cos’abbia in mente Samsung per il 2018, oltre al lancio di Galaxy Note 9.

Negli ultimi giorni sono stati scovati diversi nuovi terminali e non c’è da dimenticarsi che l’azienda sarebbe quasi pronta a presentare il suo primo smartphone pieghevole. Dunque, ci sarà forse da aspettare il prossimo anno prima di poter conoscere qualcosa in più a proposito di un Galaxy X.

Seguimi sui social!
VIAAndroid Headlines
CONDIVIDI
Articolo precedenteGallery Doctor: come tenere in ordine la galleria fotografica su Android
Articolo successivoAndroid: come scoprire se hai perso delle patch di sicurezza
Carla Stea
Recensore ed editor in ambito Tech, non ho ancora capito se è un lavoro o una passione. Il confine è sottile. Classe 1990, ho abbandonato le bambole prima di capire a cosa servissero realmente. Sono appassionata di tecnologia sin da piccolissima, mi divertiva qualsiasi cosa si azionasse premendo un bottone. Ho avuto il primo PC, il mitico Commodore 64, a 6 anni. Senza capirci nulla mi divertivo a ricopiare pagine e pagine di codici solo per veder apparire un'animazione. Crescendo ho imparato, rompendone tanti, come utilizzare al meglio computer e gadget tecnologici vari. Attualmente, scrivo articoli e produco videorecensioni per diversi siti web di informazione ricercando i contenuti più interessanti presenti dedicati all' high-tech.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here