Google Home Mini in Italiano – la mia prova

Google Home, e la sua versione Mini, parlano finalmente Italiano. Ecco il mio test sul più piccolo dei due assistenti vocali per la casa lanciati da Google!

3
41

Google Home è finalmente arrivato in Italiano. Purtroppo non è ancora possibile acquistarlo in Italia, ma ormai è solo questione di giorni. Possedendo un Google Home Mini – acquistato in Germania – non ho potuto fare a meno di provare il nuovo modo di interagire con il piccolo assistente.

Google Home Mini parla Italiano, ma non è ancora perfettamente integrato

I comandi di base sono stati integrati perfettamente all’interno della versione Italiana dell’assistente Google, che però ancora non riesce ad essere performante come quello in Inglese, Francese e Tedesco.

I provider di musica e contenuti video in streaming funzionano senza problemi, così come la richiesta della sveglia e di elencare gli impegni della giornata. Nemmeno la lettura delle news sembra essere un problema. Al solito, se gli chiederete una barzelletta vi farà rimanere male, ma quello dipende dal suo “senso dell’umorismo”. Insomma, con le azioni basilari nessun problema.

LEGGI ANCHE: le migliori applicazioni per iPhone, che sfruttano l’ARKit

Per la domotica, l’integrazione c’è ma sta avvenendo un po’ più lentamente rispetto al resto. Se il Chromecast è gestito senza problemi, non è detto che tutte le API di terze parti funzionino correttamente.

Io ho avuto modo di provare solo con la mitica lampadina di Xiaomi Yeelight. Inizialmente, non c’era verso di fargliela riconoscere. Nemmeno passando per IFTTT. In un secondo momento invece la situazione lato server sembra essere migliorata quindi sono riuscita a comunicare con l’assistente senza alcun problema particolare.

Chiaramente, il sistema è appena arrivato nella nostra lingua, dunque è necessario che passi qualche settimana prima che si assesti ed offra tutte le integrazioni del caso. Non mi resta quindi che continuare a fare domande al mio Google Home Mini ed aggiornarvi frequentemente sulle risposte.

Google Home (e versione Mini) non sono ancora disponibili ufficialmente in Italia, ma possono essere comprati comunque

Adesso più che mai, gli appassionati non hanno più voglia di attendere che l’assistente arrivi in Italia per poterlo comprare. Internet è un posto bellissimo e ci permette di procurarci oggetti anche quando ancora non sono ufficialmente disponibili nel nostro paese.

Ad esempio, vi basterà fare un giro su Ebay per poter trovare agevolmente il vostro Google Home (e versione Mini) da un rivenditore europeo. Potrete acquistarlo senza problemi, ma ricordate sempre che prima ci comprare sul sito di aste è fondamentale leggere i feedback e valutare l’affidabilità del venditore!

Iscriviti al canale YouTube per non perdere nessun video! 🙂 

Seguimi sui social!
CONDIVIDI
Articolo precedenteXiaomi: gli accessori più strani che ho visto allo store di Barcellona
Articolo successivoGeekmall.it festeggia il papà con tantissimi sconti
Carla Stea
Recensore ed editor in ambito Tech, non ho ancora capito se è un lavoro o una passione. Il confine è sottile. Classe 1990, ho abbandonato le bambole prima di capire a cosa servissero realmente. Sono appassionata di tecnologia sin da piccolissima, mi divertiva qualsiasi cosa si azionasse premendo un bottone. Ho avuto il primo PC, il mitico Commodore 64, a 6 anni. Senza capirci nulla mi divertivo a ricopiare pagine e pagine di codici solo per veder apparire un'animazione. Crescendo ho imparato, rompendone tanti, come utilizzare al meglio computer e gadget tecnologici vari. Attualmente, scrivo articoli e produco videorecensioni per diversi siti web di informazione ricercando i contenuti più interessanti presenti dedicati all' high-tech.

3 Commenti

  1. Buona recensione Carla; anche se però per Google Home mi aspetto prossimamente più supporto per la domotica; sia lato IFTT che lato app di terze parti. La strada da fare è ancora tanta, ma il tempo ci dirà se google sta lavorando nella giusta direzione oppure no. Ciao

    • Ciao Mattia, penso che la direzione di Google sia quella…sta agli sviluppatori creare delle API che possano permettere ai loro dispositivi di smarthome di interagire con Google Home 🙂
      Grazie per il commento!

      • Sono d’accordo con te, anche se visto il peso commerciale di Google mi aspetto almeno il supporto per tutte periferiche per cui esistono già delle API su IFTT. Di fatto gli sviluppatori già le condividono le API, per ora sembra che manchi solo un pò di lavoro di fino per integrarle end to end in maniera più trasparente per l’utente finale medio. Comunque come sempre Google troverà il modo per limare anche questi dettagli se il prodotto prenderà piede commercialmente parlando.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here