Appena ho visto Daylio ho pensato che dovevo provarla. Io potrei essere testimonial pubblicitario permanente, se solo esistesse la “sbalzi d’umore S.p.a.”! Già, perchè ci sono periodi in cui cambio molto spesso umore e non mi focalizzo mai a cercare di capirne il motivo. Beh, Daylio serve proprio a questo!

Daylio, tieni traccia dei tuoi cambiamenti d’umore in pochi secondi

Oltre a cambiare spesso umore, sono anche allergica a tutto quelle attività – tranne il lavoro – che richiedono non solo costanza, ma anche tanto tempo da dedicare. Ecco perché ho miseramente fallito ogni volta che tentavo di tenere un diario segreto.

Daylio con me funziona anche sotto questo punto di vista: è un diario dei cambiamenti d’umore che si completa con le faccine. Avete presente quelle che vi fanno usare per esprimere l’indice di gradimento di un servizio? Ecco uguale!

LEGGI ANCHE: Google Lens: come utilizzare sul tuo smartphone l’Intelligenza Artificiale di Google

L’applicazione vi permette di segnare ogni volta che il vostro umore cambia, tenendo nota anche di quello che stavate facendo in quel momento. L’applicazione ha una versione gratuita, anche se sono previsti upgrade a pagamento, e potete scaricarla sia per Android che per iOS. 

Io la uso da qualche giorno, ma è ancora presto perché riesca a farmi un’idea di quanto sia instabile il mio umore nel tempo e per quale motivo. Se deciderete di provarla, fatemelo sapere su Facebook oppure Instagram!

The App Store is not recognized. 🙁
The App Store is not recognized. 🙁

 

Seguimi sui social!
CONDIVIDI
Articolo precedenteGeekMall organizza lo svuota tutto: accessori a partire da 0,99€
Articolo successivoWhatsApp avvisa i tuoi contatti se cambi numero di telefono
Carla Stea
Recensore ed editor in ambito Tech, non ho ancora capito se è un lavoro o una passione. Il confine è sottile. Classe 1990, ho abbandonato le bambole prima di capire a cosa servissero realmente. Sono appassionata di tecnologia sin da piccolissima, mi divertiva qualsiasi cosa si azionasse premendo un bottone. Ho avuto il primo PC, il mitico Commodore 64, a 6 anni. Senza capirci nulla mi divertivo a ricopiare pagine e pagine di codici solo per veder apparire un'animazione. Crescendo ho imparato, rompendone tanti, come utilizzare al meglio computer e gadget tecnologici vari. Attualmente, scrivo articoli e produco videorecensioni per diversi siti web di informazione ricercando i contenuti più interessanti presenti dedicati all' high-tech.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here