Come evitare che Google Assistant sia sempre attivo

Come disabilitare l'ascolto continuo di Google Assistant, risparmiando batteria e stress dovuto all'attivazione accidentale dell'assistente vocale

0
8

Google Assistant, di default, è sempre in ascolto. Tuttavia, c’è un modo semplicissimo per disattivare questa impostazione e richiamarlo solo quando serve realmente.

Come evitare che Google Assistant sia sempre attivo

Google Assistant è bellissimo, un concentrato di tecnologia. Ti dà informazioni e ti intrattiene se ti annoi. Si, ma è anche un po’ pettegolo. Sempre in ascolto. Guai a dire “OK Google” per sbaglio. Parte e se non gli fai una domanda ci resta anche un po’ male.

Google Assistant: le domande più stupide da fargli in italiano

Spesso però tendiamo ad attirare la sua attenzione per sbaglio, non ci serve. Alla fine lui ci rimane male, bisogna metterlo a nanna manualmente e – non meno importante – la batteria del dispositivo va giù molto più velocemente proprio perché l’assistente è sempre in ascolto.

Per fortuna, basta un minuto per abbassare la soglia di attenzione dell’assistente disattivando la reazione automatica al comando “OK Google”. Ecco come fare:

  • apri l’applicazione di Google;
  • sceglie “impostazioni“;
  • scendi fino a “voce“;
  • disabilita “rilevamento OK Google

Il gioco è fatto. D’ora in poi dovrai richiamare manualmente l’assistente. Chiaramente, non è un’impostazione comoda per tutti, specialmente se utilizzi Google Assistant in macchina. Dipende dalle tue abitudini. Se sei stanco di sentirlo partire in continuazione hai due possibilità: tratti l’espressione “OK Google” come se fosse una parolaccia – e quindi la eviti – oppure segui la guida di sopra su come evitare che Google Assistant sia sempre attivo.

Seguimi sui social!
CONDIVIDI
Articolo precedenteLG G7 ThinQ: svelato il design del flagship ufficiale il 2 maggio
Articolo successivoRecensione BQ Witbox Go, la stampante 3D per tutti
Carla Stea
Recensore ed editor in ambito Tech, non ho ancora capito se è un lavoro o una passione. Il confine è sottile. Classe 1990, ho abbandonato le bambole prima di capire a cosa servissero realmente. Sono appassionata di tecnologia sin da piccolissima, mi divertiva qualsiasi cosa si azionasse premendo un bottone. Ho avuto il primo PC, il mitico Commodore 64, a 6 anni. Senza capirci nulla mi divertivo a ricopiare pagine e pagine di codici solo per veder apparire un'animazione. Crescendo ho imparato, rompendone tanti, come utilizzare al meglio computer e gadget tecnologici vari. Attualmente, scrivo articoli e produco videorecensioni per diversi siti web di informazione ricercando i contenuti più interessanti presenti dedicati all' high-tech.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here