Apple iOS 12 ufficiale: 7 app o feature copiate qui e lì dalla mela morsicata

Apple iOS 12 è ufficiale, sono contenta. Sembra super potente e ricco di novità, ma sono proprio tutte così nuove? Insomma. Ecco una lista di quelle "già viste".

0
83

Apple iOS 12 è stato presentato ufficialmente durante il tradizionale WWDC 2018 organizzato dal gigante di Cupertino. Le novità sono state tante, ma man mano che seguivo la conferenza ed ascoltavo le feature pensavo “ma ‘sta roba l’ho già vista qui e lì“. Ecco che i colleghi di The Verge hanno raccolto alcune feature – ma anche app – palesemente ispirate ad altrettante soluzioni già esistenti.

iOS 12 è pieno di novità, ma non è innovativo: 7 app o feature prese in prestito

Si, non c’è da stupirsi. Ovviamente è un continuo prender spunto l’uno dall’altro nel settore degli smartphone, basta vedere Android P e le gesture di iPhone X. Apple non è stata da meno con alcune delle novità di iOS 12. Ecco quali sono.

Scorciatoie di Siri: qualcuno ha detto IFTTT?

L’ho pensato appena sono state presentate. Mi ricordano molto IFTTT. Infatti, le scorciatoie per Siri di iOS 12 sono un’evoluzione di WorkFlow, che le rende più simili che mai alla celeberrima applicazione (tra l’altro disponibile per iPhone) che consente di concatenare delle azioni fra di loro. Appunto, “If This Than That“.

Memoji: perché “AR Emoji” lo aveva già preso Samsung come nome?

Nemmeno le Memoji sono chissà quale novità da 90 minuti di applausi eh. Va bene che su iPhone X c’è lo scanner 3D e probabilmente saranno più performanti, però le abbiamo già viste. Suvvia, non possiamo farci prendere il coccolone per una lingua che si muove a ritmo della nostra. Che poi, l’utilizzo in applicazioni come Face Time sia divertente, non ci piove!

Videochiamate di gruppo su FaceTime: era pure ora, le offrirà addirittura WhatsApp

Io lo definirei un adeguamento, più che una novità. Già perché le applicazioni che offrono la possibilità di fare videochiamate di gruppo sono parecchie e già da parecchio tempo. Skype ed Hangouts giusto per citarne due.

Limiti all’utilizzo dello smartphone: va beh, le avrà introdotte prima Google perché la I/O 2018 si è tenuta prima, spero

Le soluzioni per imporre limiti all’utilizzo dello smartphone, con tanto di report e divieto di toccare il device se si sorpassano i limiti, sono tante. Ci sono già diverse app che lo fanno, di una vi ho anche parlato. Con Android P però diventeranno una feature integrata nel sistema operativo e pare anche con iOS 12. Il concetto è che sono veramente simili.

Controllo parentale iOS 12: Google Family Link è già disponibile su iPhone e smartphone Android

No, nemmeno il controllo parentale è una novità da farsi venire un coccolone. Google Family Link permette di controllare gli smartphone dei proprio figli, intendo ovviamente gestire le app ed il tempo in cui possono usarlo. Inoltre è già disponibile sul Google Play Store e sull’Apple App Store.

Apple “For You” nella app galleria e la sezione “Riscopri questo giorno”: avete già controllato i vostri ricordi di oggi su Google Foto?

Non devo spiegarvelo con troppe parole. “Riscopri questo giorno” all’interno della galleria fotografica è uno strumento già introdotto da Google in Foto. Peraltro, con Big G, l’upload delle foto in cloud è gratuito ed illimitato. Ma va beh.

Applicazione “Measure” per misurazioni in AR: su Apple App Store ci sono già almeno una decina di app che lo fanno, speriamo che quella integrata sia più performante di tutte

Con l’arrivo di AR Kit, gli sviluppatori hanno cercato di creare strumenti utili e performanti che sfruttassero la realtà aumentata. I tool per le misurazioni sono molto richiesti e ce ne sono parecchi, ora con l’arrivo di “Measure” saranno integrate nel sistema operativo di iOS. Anche qui però, niente di nuovo ed esclusivo.

LEGGI ANCHE: iOS 12 tutte le novità del nuovo sistema operativo

Insomma, come anticipato, produttori di smartphone e di sistemi operativi si ispirano l’uno all’altro. Apple iOS rimane uno dei migliori sistemi operativi in circolazione e la dodicesima versione sarà sicuramente molto potente. Tuttavia, evitiamo di stupirci ogni volta che Apple presenta qualcosa di visto e rivisto, come se fino a quel momento nessuno ne avesse mai parlato.

 

Seguimi sui social!
FONTEThe Verge
CONDIVIDI
Articolo precedenteOPPO Find X: il ritorno in Italia dell’azienda è segnato da un flagship
Articolo successivoAmazon Prime Music: musica in streaming inclusa nell’abbonamento Prime
Carla Stea
Recensore ed editor in ambito Tech, non ho ancora capito se è un lavoro o una passione. Il confine è sottile. Classe 1990, ho abbandonato le bambole prima di capire a cosa servissero realmente. Sono appassionata di tecnologia sin da piccolissima, mi divertiva qualsiasi cosa si azionasse premendo un bottone. Ho avuto il primo PC, il mitico Commodore 64, a 6 anni. Senza capirci nulla mi divertivo a ricopiare pagine e pagine di codici solo per veder apparire un'animazione. Crescendo ho imparato, rompendone tanti, come utilizzare al meglio computer e gadget tecnologici vari. Attualmente, scrivo articoli e produco videorecensioni per diversi siti web di informazione ricercando i contenuti più interessanti presenti dedicati all' high-tech.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here